marchio

S.Carlo Elettromeccanica - Via S.Carlo 90-92          57126 Livorno (Italy) Tel. +39 - 0586 - 888158

Tutto o quasi su: caldaie, climatizzatori, depura- zione acque, riscaldamento, leggi, normative e molto altro ancora

BLOG: notizie - curiosità - consigli

 











ESTRATTO DEL:



9.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11


LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 3 marzo 2015, n. 25/R

Regolamento di attuazione dell’articolo 23 sexies della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia). Esercizio, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici.


Omissis . . . . . . .


Art 3.

Omissis . . . . . . .

  1. 4.Gli impianti disattivati o mai attivati, come nel caso di impianti collocati in edifici oggetto di ristrutturazione o comunque posti nella condizione di non poter funzionare, quali gli impianti non collegati alla rete di distribuzione dell’energia o a serbatoi di combustibili o comunque privi di approvvigionamento, sono esentati dal rispetto delle presenti disposizioni, fino alla riattivazione o alla prima attivazione degli impianti stessi.


5. Ai fini di cui al comma 4, la disattivazione dell’impianto è comunicata entro trenta giorni all’autorità competente dal responsabile dell’impianto, identificato ai sensi dell’articolo 7, mediante dichiarazione sostitutiva di atto notorio.


Omissis . . . . . . .

Art 5

Documentazione a corredo degli impianti termici

1. Gli impianti termici sono muniti di:

a) “libretto di impianto per la climatizzazione” di cui all’articolo 8, comma 8;

b) istruzioni di uso e manutenzione dell’impianto rese, ai sensi dell’articolo 8, commi 2 e 3, dalla ditta installatrice o incaricata della manutenzione dell’impianto;

  1. c)libretti di istruzione di uso e manutenzione dei generatori, bruciatori e apparecchiature dell’impianto forniti dai produttori;

d) “dichiarazione di conformità” prevista dal decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 (Regolamento concernente l’attuazione dell’articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici). Gli impianti installati antecedentemente l’entrata in vigore di detto decreto, sono muniti, ove obbligatoria, della documentazione di cui alla legge 5 marzo 1990, n. 46 (Norme per la sicurezza degli impianti) o di cui al decreto del Presidente della Repubblica 13 maggio 1998, n. 218 (Regolamento recante disposizioni in materia di sicurezza degli impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico);

e) “rapporti di controllo e manutenzione” di cui all’articolo 8, comma 5 del presente regolamento, nonché “rapporti di controllo di efficienza energetica ” di cui all’articolo 10, comma 3;

f) codice identificativo dell’impianto, di cui all’articolo 15, comma 4 e, nel caso di impianti al servizio di più unità immobiliari, tabella prevista dall’articolo 4, comma 7 del d.p.r. 74/2013;

g) documentazione prevista dal d.lgs. 152/2006, parte V, titolo II per gli impianti termici civili come individuati dagli articoli 282 e 283 dello stesso decreto;

h) documentazione di cui al decreto del Ministero del lavoro e della previdenza sociale 1 dicembre 1975 (Norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione) laddove obbligatoria per tale tipologia di impianto;

i) documentazione di cui alla normativa in materia di prevenzione incendi, ove prevista per tale tipologia di impianto.


Omissis . . . . . . .

Art 8

Controllo e manutenzione e degli impianti termici

1 Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione dell’impianto sono svolte da ditte abilitate ai sensi del d.m. 37/2008.

2. Le operazioni di cui al comma 1 sono svolte conformemente alle prescrizioni e con la periodicità contenute nelle istruzioni di uso e manutenzione dell’impianto fornite dalla impresa installatrice.

3. Per impianti esistenti privi delle istruzioni di uso e manutenzione di cui al comma 2 spetta alla ditta incaricata della manutenzione dell’impianto fornire le stesse istruzioni.

  1. 4.Le istruzioni di uso e manutenzione sono redatte facendo riferimento alla documentazione tecnica del progettista dell’impianto o del fabbricante degli apparecchi o alle normative UNI e CEI per lo specifico elemento o apparecchio o dispositivo, conformemente a quanto disposto dall’articolo 7 commi 2, 3 e 4 del d.p.r. 74/2013.

  2. 5. Al termine delle operazioni di controllo e manutenzione previste al presente articolo, l’operatore incaricato dal responsabile di impianto redige e sottoscrive in forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà un rapporto di controllo e manutenzione in cui sono riportate le attività effettuate e specificato se attività derivanti dalle istruzioni di cui al comma 2 o da altro evento. Il responsabile di impianto sottoscrive il rapporto per presa visione.

6. Una copia del rapporto di controllo e manutenzione è rilasciata al responsabile dell’impianto, che lo conserva e lo allega al libretto di cui al comma 8; una copia è conservata a cura del manutentore per un periodo non inferiore a 5 anni per eventuali verifiche documentali da parte delle autorità competenti.

7. Qualora il soggetto manutentore rilevi nella sua attività situazioni di immediato pericolo provvede ad informare senza indugio il responsabile d’impianto e, laddove necessario, il comune e gli altri soggetti competenti per l’adozione delle eventuali misure cautelari.

8. Entro i termini di cui all’articolo 20 gli impianti termici sono muniti di un “libretto di impianto per la climatizzazione” conforme a specifico modello approvato con decreto del dirigente della struttura regionale competente. L’impresa installatrice, la ditta incaricata della manutenzione e il responsabile dell’impianto sono tenuti alla compilazione delle schede di rispettiva competenza contenute nel suddetto libretto.

9. Il libretto comprende una scheda che identifica l’impianto e il suo responsabile. La scheda identificativa d’impianto è trasmessa alle autorità competenti con le modalità telematiche specificate agli articoli 15 e 19. Il responsabile dell’impianto può delegare la trasmissione della scheda identificativa al proprio tecnico manutentore.

10. Il libretto è conservato a cura del responsabile dell’impianto presso l’unità immobiliare o la centrale termica in cui questo è collocato per tutta la sua durata in esercizio.

  1. 11.In caso di trasferimento a qualsiasi titolo dell’immobile o unità immobiliare i libretti di impianto sono consegnati, a cura del responsabile dell’impianto all’avente causa, debitamente aggiornati, con gli eventuali allegati.



Art 9

Obblighi di controllo dell’efficienza energetica degli impianti termici

1. I controlli di efficienza energetica di cui al presente articolo sono obbligatori per gli impianti termici di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale maggiore di 10 kW e per gli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kW, indipendentemente dalla fonte energetica utilizzata.

2. I controlli di efficienza energetica sono realizzati nei casi di:

a) prima messa in esercizio dell’impianto, a cura dell’installatore;

b) sostituzione degli apparecchi del sottosistema di generazione, quali il generatore di calore;

c) interventi che non rientrino tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l’efficienza energetica.

3. Per gli impianti di climatizzazione esistenti con potenza superiore alle soglie di cui al comma 1, non ancora sottoposti al controllo di efficienza energetica in applicazione del d.lgs. 192/2005, il primo controllo di efficienza energetica si effettua in occasione degli interventi di controllo ed eventuale manutenzione di cui all’articolo 8 e in ogni caso entro 3 anni dall’entrata in vigore del presente regolamento.

  1. 4.I controlli di efficienza energetica successivi a quelli di cui ai commi 2 e 3, nonché i controlli di efficienza energetica per gli impianti comunque già sottoposti a controllo di efficienza energetica in applicazione del d.lgs. 192/2005 sono effettuati secondo la periodicità riportata nella tabella di cui all’allegato A al presente regolamento.





 

Data - 08 Giugno 2016

Legge Regione Toscana Impianti Termici

  S.Carlo Elettromeccanica    

Via S.Carlo 90-92     57126 Livorno (Italy)    Tel. +39 - 0586 - 888158

      P.iva 00972400493   CCIAA 87083 Livorno - C.F. FNFFRZ55H16C309C

ATTENZIONE:

La dicitura “Anno civile entro il quale si deve svolgere il controllo di efficienza energetica a far data dal precedente” é stato interpretato dai verificatori come “ANNO, GIORNO E MESE DI SCADENZA”  pertanto anche un solo giorno di ritardo comporta gravi problemi per il responsabile dell’impianto.

 
Vendita - assistenza - caldaie - depuratori d'acqua - climatizzatori - S.Carlo Elettromeccanica Livorno